/

14. Giugno 2024

SEO – Perdita del ranking e cosa succede dopo

SEO - Rankingverlust und wie die Zukunft der SEO auch im Hinblick von KI aussieht

Trasparenza e apertura come fattori chiave

La perdita di posizioni SEO è attualmente un argomento che sta causando molte notti insonni. Negli ultimi anni, Google ha costantemente enfatizzato la trasparenza e l’apertura come criteri di valutazione fondamentali per i siti web. Per i proprietari di siti web, ciò significa pubblicare informazioni chiare sull’identità dei creatori dei contenuti e sulla proprietà del sito. Ciò promuove la fiducia e rafforza la credibilità agli occhi degli utenti e degli algoritmi di ricerca.
L’anno 2024 segna una svolta significativa nel mondo dell’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). La costante evoluzione degli algoritmi di ricerca e la crescente integrazione dell’intelligenza artificiale (AI) hanno cambiato profondamente molte cose. Le aziende e i creatori di contenuti devono affrontare la sfida di adattare le proprie strategie SEO per garantire una visibilità e una rilevanza costanti nei risultati di ricerca.

L'attuale cambiamento nel SEO

Recentemente, molti si sono resi conto che le pratiche SEO tradizionali hanno perso la loro efficacia. Ciò è dovuto principalmente al fatto che i motori di ricerca come Google adattano costantemente i loro algoritmi per fornire agli utenti contenuti più pertinenti e di qualità superiore. Questi aggiustamenti hanno portato a un allontanamento dalle tattiche di ottimizzazione formulate per concentrarsi maggiormente sull’esperienza dell’utente.
Fin dai suoi esordi, il web spam è stato un problema importante per Google. Il modello di business di Google dipende dall’offerta di risultati di qualità agli utenti e questo può essere facilmente messo a rischio da contenuti inutili e spam.
L’indice esistente di Google è composto da 400 miliardi di documenti e continua a crescere. Il problema su cui dobbiamo concentrarci è che siamo passati da un “web statico” fatto essenzialmente di pagine curate dall’uomo a un nuovo tipo di web fatto di “IA generativa” e media sintetici.

Lotta al black-hat SEO e adattamento all'IA

Con il continuo sviluppo di algoritmi di ricerca che imitano sempre più le capacità cognitive umane, il margine di manovra per le tecniche SEO black hat sta diminuendo. I motori di ricerca come Google si sforzano di cogliere le sfumature dei contenuti e delle intenzioni come farebbe un essere umano. Questo porta a una selezione naturale dei contenuti che sono davvero preziosi e utili per gli utenti.

L'integrazione dell'intelligenza artificiale e il futuro dei risultati di ricerca organici

L’integrazione dell’intelligenza artificiale negli algoritmi di ricerca sta portando a un cambiamento nelle strategie SEO, in particolare per quanto riguarda le query di ricerca informative. La capacità di essere presenti nelle SERP con panoramiche AI e contenuti generativi richiede un nuovo approccio alla creazione e all’ottimizzazione dei contenuti. I professionisti SEO devono comprendere le intenzioni di ricerca e adattare i loro contenuti in modo specifico a questi nuovi requisiti.

L'intelligenza artificiale come motore del cambiamento

Google Search sta subendo un aumento del web spam, alimentato in particolare dall’intelligenza artificiale generativa, ed è proprio questo progresso tecnologico che minaccia di sottrarre traffico agli editori. Fino a maggio di quest’anno, Google ha sperimentato una funzione di ricerca alimentata dall’intelligenza artificiale nota come SGE (Search Generative Experience). SGE utilizzerebbe l’intelligenza artificiale generativa per fornire risposte dirette quando attivata da una query di ricerca, in modo simile a come alcune query di ricerca attivano i risultati ricchi. A maggio Google ha cambiato il nome in AI Overviews (AIO). Questi risultati vengono visualizzati quando un utente utilizza il browser Chrome (scaricabile qui) ed è anche connesso al proprio account Google. In base alla query di ricerca, viene solitamente visualizzato un riepilogo guidato dall’intelligenza artificiale, seguito da ulteriori link esplicativi. Questi link, che dovrebbero effettivamente migliorare i risultati di ricerca e servire anche al vostro lavoro di ricerca, non sono sempre opportuni. Ma sicuramente si regolerà di nuovo.

Il futuro della SEO: E-E-A-T e le complessità degli algoritmi

Il settore SEO è caratterizzato da continui cambiamenti e adeguamenti. Con l’introduzione di nuovi modelli di valutazione come E-E-A-T (esperienza, competenza, autorità, affidabilità), l’attenzione si sta spostando sempre più verso un’analisi e una comprensione più approfondita di questi elementi. Come SEO, dobbiamo imparare a decostruire questi concetti e a comprenderne l’impatto sugli algoritmi di ricerca.

In un futuro non troppo lontano, le API forniranno risposte conversazionali e renderanno i motori di ricerca più simili a chatbot, mettendo in contatto gli utenti con esperti di intelligenza artificiale su argomenti specifici. Il branding è importante in questa nuova era, ma anche l’ottimizzazione dell’esperienza utente e le tecniche di intelligenza artificiale sono fondamentali.

Dovremo ripensare a molti aspetti. Poniamoci varie domande, come ad esempio:

  • Il mio contenuto non è solo buono, ma anche rilevante per il mio gruppo target? Se domani smettessimo di fornire contenuti, il mio gruppo target ne sentirebbe la mancanza?
  • Non solo sul sito web, ma anche sui canali dei social media, dovremmo valutare in anticipo se il contenuto è stimolante.
  • Cosa sente il mio gruppo target del mio sito web o della mia offerta quando mi cerca su Google, Tiktok, YouTube o altrove?
  • Le persone vogliono parlare della mia offerta quando stanno viaggiando altrove nella nicchia?

Pensate a ciò che merita l’attenzione, l’impegno e la fedeltà delle persone.

Ma cosa si può fare in modo efficace per ottenere la migliore perdita di ranking SEO possibile?

  • Capite i vostri lettori, i vostri potenziali clienti, e scrivete contenuti di valore per loro, il vostro gruppo target. Offrite un valore aggiunto perché, in ultima analisi, un lettore viene sul vostro sito web prima per informarsi e poi per acquistare. È importante capire che la qualità è più importante della quantità.
  • Autorità di pagina. Controllare il sito web per escludere problemi tecnici e di autorità tematica.
  • Linking di valore, che si riferisce sia ai link interni che a quelli esterni. I link interni forniscono dati e informazioni importanti su come il vostro sito web è strutturato e su come le entità in esso contenute sono collegate e organizzate. Anche i link SEO-friendly non hanno perso la loro importanza.
  • Non solo i nuovi contenuti, ma anche quelli più vecchi. Spesso le informazioni diventano obsolete molto rapidamente. Anche le pagine più vecchie o i post del blog sono disponibili nell’indice e vengono letti. Immaginate poi se il lettore trova un contenuto che non è più applicabile perché non aggiornato. Suddividete i contenuti in eventi attuali e ricorrenti che richiedono aggiornamenti frequenti. Inoltre, se disponete di informazioni più ampie o più aggiornate su un determinato argomento, aggiornate i vostri contenuti. Non deve essere sempre un contenuto nuovo.
  • Sviluppare le migliori risposte a domande specifiche.
  • Trovate le parole chiave che attivano i risultati AIO e testate l’impatto sul vostro sito web.
  • Spesso, ma non sempre, può avere senso snellire il sito web per migliorarne la qualità.
  • Spesso può essere utile anche un lifting. I vecchi siti che sono più “squadrati, praticamente buoni” spesso ottengono risultati peggiori nel ranking rispetto a quelli che hanno un design moderno e chiaro. Non che sia necessario soddisfare i gusti di un motore di ricerca, ma un design nuovo e fresco invia semplicemente segnali migliori agli utenti.
  • I contenuti generati dall’intelligenza artificiale, un argomento di cui si parla attualmente ovunque. Bisogna semplicemente fare attenzione. I contenuti generati automaticamente o di qualità inferiore possono ovviamente essere indicizzati, poiché un motore di ricerca non riconosce immediatamente se il contenuto generato è buono o cattivo. Ma attenzione, i contenuti scadenti non rimangono a lungo nell’indice. Viene semplicemente rimosso di nuovo.

Riflessioni conclusive

La SEO è in una fase di trasformazione, caratterizzata da progressi tecnologici e cambiamenti nel comportamento degli utenti. Per avere successo, le strategie SEO devono essere flessibili, adattabili e, soprattutto, incentrate sulla creazione di un reale valore per l’utente. Il futuro della SEO non è determinato solo dagli algoritmi, ma anche dalla capacità di fornire contenuti autentici e coinvolgenti che convincano sia i motori di ricerca che gli utenti.